web flou

La malattia ai tempi del web 2.0: una riflessione su “vaccination”

Marika Vezzoli
Il termine Web 2.0 si riferisce all’insieme di tutte quelle applicazioni online che permettono un elevato livello di interazione tra il sito web e l’utente finale (fra gli altri: Twitter, Facebook, Youtube). Tra il 2000 e il 2010, gli utenti sono in effetti passati dalla consultazione passiva del web (web 1.0), alla partecipazione attiva, pubblicando contenuti, opinioni e dando vita a gruppi di discussione su varie tematiche. Ripercorriamo brevemente le fasi evolutive più importanti che hanno contraddistinto il fenomeno del Web 2.0 partendo dal 2006, quando le persone che usavano internet in Italia assommavano a circa 20 milioni.


dati amministrativi statistiche

Basi di dati da fonte amministrativa per analisi a livello comunale. Prime esperienze nella statistica ufficiale.

Roberta Vivio
Nell’ambito della strategia dell’Istat per lo sfruttamento di dati amministrativi a fini statistici, nel 2013 è stato istituito il Progetto ARCHIMEDE per realizzare l’ampliamento dell’offerta informativa dell’Istat mediante la produzione di collezioni di dati elementari longitudinali e cross-section utili alla ricerca sociale ed economica, alla programmazione territoriale, alla valutazione delle politiche pubbliche a livello nazionale, regionale e locale.


Spesa farmaceutica

Il contenimento della spesa farmaceutica in Italia: stato dell’arte e strategie

Giovanna Barbera, Manuela Casula, Carlotta Galeone
Il governo della spesa farmaceutica in Italia è stato oggetto negli anni di numerosi interventi legislativi finalizzati al contenimento della spesa sanitaria a fronte di una continua crescita dell’utilizzo dei servizi sanitari. Tale aumento dei costi della sanità è in gran parte riconducibile alla popolazione italiana sempre più anziana con patologie croniche. Il tasso degli over 80 anni è aumentato del 150% negli ultimi 20 anni e si stima che entro il 2030 gli anziani saranno oltre il 26% della popolazione italiana totale.


diversità di genere

Considerazioni generali sul tema della diversità di genere.

Angela Paladino
Il tema della gender diversity richiama una attenzione particolare in tutti gli ambiti del mondo del lavoro. Una analisi approfondita sia in termini statistici sia in termini sociologici, ci rivela come il fenomeno dell’impatto del genere femminile sia in evoluzione, ma presenti anche dei punti di preoccupazione soprattutto se apriamo l’osservazione all’ambito della formazione e della scuola.


house-money-capitalism-fortune-12619

Bail-in vs Bail-out bancario nel contesto del nuovo Single Resolution Mechanism

Laura Parisi
Il monitoraggio e l’analisi del rischio sistemico sono estremamente problematici a causa dell’elevato numero di dimensioni e variabili da considerare: è altresì vero che gli istituti finanziari sono sicuramente da annoverare tra i principali portatori di rischio sistemico, ragion per cui, specie a partire dalla crisi del 2008, sono state sviluppate politiche volte alla regolamentazione degli istituti di credito.


tape-pills-medicine-tablet-53376

Quante farmacie ci sono in val d’Aosta?

Marco Morandi

L’utilizzo di fonti “open” nella ricerca di informazioni aziendali risulta spesso abbastanza complesso, analizziamo il tema partendo da una domanda apparentemente semplice ma la cui risposta è tutt’altro che banale: “Quante sono le farmacie per regione?”. Una veloce ricerca su internet, effettuata partendo dalla regione più piccola d’Italia, la Valle d’Aosta, porta i seguenti risultati…


personalità

Lo spirito imprenditoriale come chiave del successo di un’impresa

Corrado Crocetta
Spesso osservando le storie di imprenditori di successo si ha la percezione che il loro intuito, la loro determinazione e la loro capacità di pensare in modo differente sia il fattore chiaro del loro successo.
Il premio Nobel per l’economia James Heckman ha individuato nei c.d. big five i cinque fattori trainanti della personalità di un manager: la responsabilità, l’apertura all’innovazione ed al cambiamento, l’estroversione, la tendenza a lavorare in team e la stabilità emotiva.


Adecco600x280

I Big Data e le professioni del futuro. Un’indagine del Gruppo Adecco

Manlio Ciralli – Chief Brand & Innovation, Gruppo Adecco

Viviamo in una società digitalizzata e sempre più interconnessa, per questo la capacità di raccogliere, elaborare e analizzare la molteplicità di informazioni e dati si traduce in vantaggio competitivo determinante per ogni organizzazione che sappia cogliere valore dai dati interpretandoli in maniera da effettuare scelte corrette e avviare strategie rilevanti.